Header.gif

Associazione in Vigevano

Amici della lanca Ayala

Anche quest’anno (2012) il Consorzio Parco Lombardo della valle del Ticino ha confermato all’Associazione di volontariato Amici della lanca Ayala la gestione della darsena.

Infatti, da quando l’associazione se ne occupa, l’area è tenuta in ordine  ed è pulita, le barche trovano un comodo attracco nella darsena ed, in caso di necessità, alcuni dei nostri soci sono disponibili a soccorrere le imbarcazioni in difficoltà lungo il fiume e che non riescono a tornare alla lanca.

Inoltre l’area è stata arricchita ed abbellita; infatti in primavera, grazie ai soci fondatori, ai quali era stata restituita la somma da loro anticipata alla costituzione dell’associazione, sono state piantati diversi alberi nel parcheggio della lanca.

Era stato richiesto consiglio al Parco del Ticino riguardo a quali potessero essere le piante più idonee e, dopo loro autorizzazione ed indicazione, avevamo piantato dei tigli.


 

Nell’anno si è anche svolta, per la seconda volta, la manifestazione denominata “Tisin day”, organizzata dal Comune di Vigevano, in data 27 maggio 2012.

La nostra associazione ha organizzato, insieme alla Pro loco, una passeggiata, svoltasi nella mattinata, che, partendo dalla lanca Ayala, entrava poi nei sentieri del parco del Ticino.

Le persone che hanno partecipato erano numerose e, alla fine della passeggiata, sono state rifocillate con bevande e con torte.

La nostra associazione ha anche organizzato il pranzo presso la darsena, in modo che numerosi soci, i loro parenti e conoscenti (circa 130 persone) hanno mangiato su  lunghe tavolate, sotto gli alberi e sotto i gazebo.

Nel pomeriggio, nella nostra darsena, erano presenti diverse bancarelle gastronomiche  (tra le quali quelle della Coltivatori diretti, delle Donne pavesi, bar, venditori di lumache, di salumi, di oggetti e manufatti, etc., etc.) ed anche rappresentante di associazioni sportive che hanno fatto le loro dimostrazioni (I cercatori d’oro, Tay Chi, associazione rafting, canoe, etc.).

Il comune ha, anche quest’anno, dirottato il trenino, che parte dalla piazza Ducale con i turisti e li porta nelle strade del centro città, verso la lanca Ayala, garantendo un servizio di andata e ritorno.

Quel giorno vi era anche un grosso barcè (un barcone, che, una volta, trasportava la ghiaia sul Ticino) che ha permesso ai turisti di raggiungere, navigando sul fiume, la cascina Braghettona, verso il ponte che ci collega ad Abbiategrasso.

Inoltre vi era la possibilità di cimentarsi nei “giochi di una volta” (ad es.: colpire dei barattoli con le palline, pescare dei pesci calamitati, eseguire un percorso reggendo una pallina con un cucchiaio in bocca, grossi palloni galleggianti sull’acqua, in cui si poteva entrare dentro, etc., etc.).


A luglio abbiamo preso parte alla iniziativa degli Amici del Ticino, partecipando alla “Gara dei barciè”, per rematori e rematrici, che partiva dal ponte sul Ticino ed arrivava alla lanca Ayala.

In quella occasione la nostra associazione si è distinta con un barcone allegorico, addobbato con un “enorme pesce boccheggiante”, a riprova della sempre più scarsa presenza di pesci nel fiume Ticino (per l’inquinamento, per la presenza di pesci predatori alloctoni e di cormorani, etc. etc.).


 

Durante i mesi di gran caldo, l’associazione ha provveduto all’irrigazione costante delle piante messe a dimora in primavera, salvandole tutte.


Nel mese di settembre la associazione ha partecipato alla iniziativa di propaganda, organizzata dagli Amici del Ticino, per sensibilizzare l’opinione pubblica sui problemi delle acque e che ha portato numerose imbarcazioni fino al ponte delle barche a Bereguardo.


Nel mese di ottobre la associazione ha ospitato le scolaresche (complessivamente circa 200 studenti, per i comuni di Gambolò e Vigevano), seguite dagli insegnanti  che sono state accompagnate dai guida parco e da alcuni dei nostri soci, appassionati del fiume, in angoli suggestivi del nostro Ticino.

Ai ragazzi è stata spiegata la funzione dell’acqua, l’erosione delle sponde, con le cadute degli alberi, e la formazione dei ghiaioni.

E’ stata anche illustrata la funzione del Parco del Ticino e delle sue guardie, che tutelano e salvaguardano il fiume e le bellezze naturali del paesaggio.

Gli studenti hanno apprezzato quello che hanno visto ed imparato e sono stati soddisfatti per la bella giornata di svago e di divertimento in mezzo alla natura.

Free Joomla templates
Joomla 1.5 Templates by Joomlashack